CON QUALI SOSTANZE VIENE TAGLIATA LA COCAINA?

La cocaina non è a km 0. Viene prodotta in pasta pura in Sud America e già in quei paesi subisce l’operazione di taglio, ovvero l’aggiunta di sostanze diverse, che aumentano il profitto dei narcotrafficanti.

Di seguito l’aggiunta di sostanze diverse avviene per mano di tutti gli anelli intermedi della distribuzione della coca e secondo gli studi di diverse agenzie per il controllo delle sostanze stupefacenti quella che raggiunge il consumatore finale sarebbe pura in una percentuale variabile tra il 40% e il 60%.

Di seguito vedremo quali sono le sostanze più utilizzate per il taglio della cocaina, lista che deve interessare particolarmente chi fa uso della sostanza, dato che spesso gli effetti delle sostanze da taglio possono essere, in alcuni casi, più pericolosi di quelli dello stupefacente stesso.

Il levamisolo è la più comune sostanza da taglio per la Coca

Benzocaina e Lidocaina

Sono due sostanze che sono utilizzate come anestetico locale e come anti-infiammatorio per la pelle. Hanno un effetto anestetizzante anche sulle mucose nasali e per questo, almeno in parte, replicano l’effetto tipico della cocaina sulle narici e sulla lingua.

È una sostanza molto facile da reperire, acquistabile senza ricetta e che nella sua versione in polvere è anche somigliante sul piano estetico.

Levamisolo

Il levamisolo è una sostanza che viene utilizzata come presidio medico contro i vermi intestinali degli animali, in particolare i vitelli di allevamento. Ne abbiamo parlato diffusamente in uno speciale: il levamisolo è una sostanza da taglio semplicemente perfetta, in quanto:

  • ha la stessa consistenza a scaglie della cocaina
  • ha effetti amplificanti sulla sostanza
  • è molto economica
  • passa il grosso dei test di purezza della coca

Il taglio con il levamisolo avviene già a alla fonte e molta della sostanza lascia il Sud America dopo essere stata tagliata con il Levamisolo.

Il Levamisolo causa agranulocitosi ed è una sostanza pericolosa.

Fenacetina

Si tratta di una sostanza analgesica (ovvero utilizzata come anti-dolorifico) che era un tempo molto comune nelle farmacie di tutto il mondo. Ha tra i suoi principali metaboliti il paracetamolo ed è utilizzata principalmente anche perchè molto somigliante sul profilo estetico alla coca. Non passa i test di purezza.

La fenatecina è oggi bandita da quasi tutti i paesi del mondo, in quanto sostanza cancerogena e che sembra avere effetti deleteri sulle papille gustative e le mucose nasali.

Procaina

Non fatevi ingannare dal nome: si tratta di un analgesico locale, un po’ come la Lidocaina, ed è utilizzato perché ha lo stesso effetto anestetizzante sulla lingua e sulle mucose nasali. Inganna l’utilizzatore di coca, facendogli credere che si tratti di coca buona, mentre invece ne scimmiotta solo gli effetti più deleteri.

cocaina taglio

Ritalin // Metilfenidato

Si tratta di un farmaco stimolante, che viene utilizzato per i bambini che soffrono di disturbi dell’attenzione. La sostanza è parente delle anfetamine ed ha dunque effetti stimolanti che sono quello che cercano, i distributori, dalle sostanze di taglio.

Efedrina

Un farmaco stimolante, che causa inappetenza. Si tratta di una sostanza che un tempo era utilizzata nell’ambito del doping sportivo.

Anfetamine di diverso genere

Nella cocaina si possono anche trovare anfetamine di diverso genere, che essendo di sintesi sono incredibilmente meno care da produrre, rispetto alla cocaina, e possono essere aggiunte anche nell’ultimo tratto della distribuzione della cocaina.

Il pericolo delle sostanze da taglio

Come hai potuto vedere le sostanze che vengono in genere aggiunte alla cocaina potrebbero essere più pericolose della coca stessa. Senza che nessuno voglia farti la morale, ti invitiamo però a tenere conto di questo prima di assumere la sostanza.

Si può testare la purezza della coca?

Sì, si può testare e ci sono in commercio diversi test in grado di rilevare quanto meno la presenza di:

  • Levamisolo
  • Fenacetina
  • Ibuprofen
  • Vitamina C
  • Efedrina
  • Lidocaina
  • Benzocaina
  • Procaina

Il test può aiutare sicuramente a individuare le sostanze più pericolose, anche se c’è da sottolineare il fatto che difficilmente si riescono a trovare in commercio dosi di stupefacente che non siano state contaminate da almeno 2 delle sostanze sopra elencate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *